Irap professionisti, parola alle Sezioni Unite

Con l’ordinanza interlocutoria n. 5040/2015 depositata il 13 marzo scorso, è stato chiesto un intervento del primo presidente delle Sezioni Unite della Cassazione per individuare una linea uniforme sui casi in cui si possa configurare o meno l’assoggettabilità all’Irap di un professionista in presenza di un dipendente, considerato il grave "permanere di un contrasto così netto e radicato in ordine alla sussistenza del presupposto d’imposta". L’ordinanza interlocutoria di poco più di due settimane la pronuncia (3870/2015) con cui è stato chiesto al primo presidente di sottoporre alle Sezioni unite anche il tema dell’assoggettabilità o meno all’Irap delle società semplici tra professionisti anche quando manca il requisito dell’autonoma organizzazione. Una maggiore chiarezza dovrebbe essere assicurata anche dall’attuazione della delega fiscale, in particolare dell’art. 11 della Legge n. 23/2014.