Quali sono le aliquote del credito d’imposta art bonus 2021?

Nelle dichiarazioni dei redditi 2021, riferite all'anno di imposta 2020, è possibile usufruire del cd. art-bonus, il credito di imposta per le erogazioni liberali a sostegno della cultura introdotto dal decreto 83/2014 e reso permanente con la Legge di bilancio 2016.
In generale, il credito nelle dichiarazioni dei redditi 2021, anno di imposta 2020, spetta nella misura del 65 per cento dei versamenti effettuati ma il meccanismo prevede dei limiti diversi in relazione alle categorie di contribuenti.

limite massimo soggetti privati 15% reddito imponibile
limite massimo soggetti titolari reddito d'impresa 5 per mille dei ricavi annui
 Il credito d’imposta spetta nei limiti del 15 per cento del reddito imponibile ed è utilizzabile in tre quote annuali di pari importo. 
La parte della quota annuale non utilizzata (rigo 130 del Modello 730-3) è fruibile negli anni successivi ed è riportata in avanti nelle dichiarazioni
dei redditi.

Si ricorda che il credito d’imposta per le erogazioni liberali spetta per i seguenti interventi:

  • manutenzione, protezione e restauro di beni culturali pubblici;
  • sostegno degli istituti e dei luoghi della cultura di appartenenza pubblica, delle fondazioni lirico sinfoniche e dei teatri di tradizione;
  • realizzazione di nuove strutture, il restauro ed il potenziamento di quelle esistenti di enti o istituzioni pubbliche che, senza scopo di lucro, svolgono esclusivamente attività nello spettacolo;
  • interventi di manutenzione, protezione e restauro di beni culturali pubblici destinate ai soggetti concessionari o affidatari dei beni oggetto di tali interventi.
  • erogazioni liberali a favore del Ministero dei beni delle attività culturali e del turismo per interventi di manutenzione, protezione e restauro di beni culturali di interesse religioso presenti nei Comuni anche appartenenti ad enti ed istituzioni della Chiesa cattolica o di altre confessioni religiose
  • erogazioni liberali a sostegno dell’Istituto superiore per la conservazione e il restauro, dell’Opificio delle pietre dure e dell’Istituto centrale per il restauro e la conservazione del patrimonio archivistico e librario.

Tali erogazioni devono essere indicate nel rigo Rigo G9 – Colonna 1 del modello 730/2021.

Le erogazioni liberali devono essere state effettuate esclusivamente mediante uno dei seguenti sistemi di pagamento: 

  • banca;
  • ufficio postale;
  • sistemi di pagamento quali carte di debito, di credito e prepagate, assegni bancari e circolari.

Lascia un commento